Ricerca: Ricerca
Area Riservata
utente
password
07/04/2014

Suor Candida, a 107 anni dal Papa

A Suor Candida è sempre piaciuto venire a trascorrere qualche giorno con noi, nella nostra Casa generalizia, qui a Roma. E ogni anno, in quei suoi giorni di vacanza, si riempiva gli occhi di bellezza e i polmoni di aria pura. Quest’anno la proposta di anticipare le sue vacanze romane l’ha fatta trasalire di una gioia incontenibile: avrebbe incontrato Papa Francesco proprio nel giorno del suo 107° compleanno, il 20 febbraio!

Eccola, dunque, fra noi la suora più anziana del mondo. Un po’ stanca dopo il viaggio Lucca-Roma, ma in breve tempo di nuovo in forma. Acuta osservatrice, arguta nelle sue battute, libera e decisa nelle sue affermazioni, contenta di essere, per qualche giorno, al centro delle nostre attenzioni e coccole, ma sempre pronta ad indirizzare a Dio la sua lode e la sua gratitudine: “Tutto è dono suo!”.

Papa Francesco ha colto subito nello sguardo vivace di Suor Candida l’intensità di una vita che non può certo chiamarsi “vecchia”. E ha riversato su di lei la sua consueta e sempre fresca tenerezza. A Suor Candida, che avrebbe voluto dire tante cose al Santo Padre, quei gesti affettuosi, quella benedizione speciale, quel sorriso carico di ammirazione e di incoraggiamento sono sembrati un fugace sogno.

Più reali, forse, per lei, perché più insistenti e prolungate, le domande dei vari giornalisti che l’hanno raggiunta in tanti momenti, incantati dal fare sbrigativo e sicuro di questa ultracentenaria e interessati pure ad imparare da lei delle preghiere essenziali.

Cara Suor Candida! Le foto che hai portato con te evocheranno pian piano alla tua mente la presenza affettuosa di Francesco in questo momento particolare della tua vita. Da parte mia non potrò mai dimenticare le parole con cui mi hai salutato, prima di partire, certamente al pensiero del nostro prossimo capitolo generale: “Decidete da donne libere!”. Grazie, sorella mia, per questa giovinezza interiore che hai sempre coltivato e che davvero ci fa respirare il profumo della libertà!

Lauretta Gianesin smi

(pubblicato inhttp://www.diocesiportosantarufina.it/dfiles/fedit/L7%2020140316.pdf)

powered by DOMUSMEDIA ę | All rights reserved